Archivio per Gennaio 2009

Per non dimenticare l’Olocausto e quello che è avvenuto dopo la shoa.

Per non negare nulla, soprattutto la verità.

 

Olocausto

 

la Giornata della Memoria

 

 

http://img144.imageshack.us/img144/1432/olocaustoll8.jpg

 

Clicca qui

e scarica nel formato originale

 

Il collage fotografico è opera di un artista/studioso e molto diffuso in rete. Il materiale fotografico sulla tematica Germania nazista è di archivio o tratto da testi. Il materiale fotografico inerente le condizioni del popolo Palestinese e i suoi rapporti con lo Stato di Israele ed il suo esercito è recentissimo, e prodotto dalle agenzie fotografiche della stampa internazionale.

L ‘intera documentazione fotografica è diffusa alla fonte al solo scopo storico ed informativo.

 

Comments Nessun Commento »

 

manifestonazionale_600

 

DALLA PARTE DEI

 


PALESTINESI

 

 

 

 

Roma, Sabato 17 gennaio

 

 

MANIFESTAZIONE

 

 

NAZIONALE

 

 

Ore 15:30 corteo da P.zza Vittorio

*

 

 

 

 

Fermiamo il massacro dei palestinesi a Gaza

 

Basta con l’impunità del terrorismo di stato israeliano

Rompere ogni complicità politica, militare,

economica tra lo stato italiano e Israele.

Le bombe uccidono le persone,

l’informazione manipolata uccide le coscienze

Comments Nessun Commento »

Siamo stremati dall’impotenza a cui soggiacciamo inermi,
poiché le nostre voci ben poco valgono al cospetto dei potenti del mondo,
inviamo un appello non per sovrapporci,
ma per rimarcare comunque lo sdegno e la totale contrarietà
a questa strage che si sta perpetuando della popolazione civile di Gaza.

FERMIAMO LA STRAGE DELLA POPOLAZIONE DI GAZA!!!

 

 

 

APPELLO!

 

 

Alle popolazioni civili e le sue organizzazioni, alle autorità locali, nazionali e internazionali:

IN NOME DEL DIRITTO INTERNAZIONALE:


FERMIAMO LO STATO D’ISRAELE!

Ciò che sta accadendo a Gaza non è una guerra, perché per definizione servono due stati belligeranti per una guerra! Ciò che sta accadendo a Gaza è un massacro!

Come artisti, operatori socio-culturali, di cooperazione internazionale, di scambi interculturali, di percorsi nuovi della formazione, imploriamo che la brutale aggressione da parte dello stato di Israele contro la popolazione di Gaza, l’oppressione della popolazione dei territori occupati venga fermata con ogni mezzo dalle autorità competenti immediatamente!

 

CHIEDIAMO ALLE POPOLAZIONI CIVILI DEL MONDO
E ALLE LORO ORGANIZZAZIONI
DI PREMERE SULLE AUTORITÀ COMPETENTI
FINCHÉ CESSI IL FUOCO IMMEDIATAMENTE!

 

Il precedente assedio di Gaza e l’attuale aggressione contro la popolazione di Gaza confermano, purtroppo, la brutale volontà di politica coloniale e di terrorismo di stato da parte dello stato di Israele, che si sta reiterando da quasi un secolo come movimento sionista e poi come stato. Questo è in tutti i sensi inaccettabile, ripugnante e da fermare immediatamente. Tutto ciò costituisce senz’altro un crimine contro l’umanità.

Denunciamo l’insostenibile situazione di oppressione continua della popolazione palestinese, le perdite umane e le loro sofferenze, i bombardamenti dall’aria, terra e mare - con uso anche di munizionamento DU e di armi proibite da parte dello stato di Israele - che stanno pregiudicando il futuro della popolazione palestinese e della intera regione, incluso le popolazioni presenti sul suolo dell’attuale stato di Israele.

Denunciamo con decisione che la popolazione civile di Gaza viene massacrata anche per le lacune della Comunità Internazionale nei confronti dello stato di Israele, che tenta di annientare da decenni l’esistenza del popolo palestinese come entità ideale e fisica.

Ricordiamo alla Comunità Europea e alle Autorità della Comunità Internazionale la loro responsabilità storica e attuale verso i circa 5 milioni di rifugiati palestinesi nel mondo e lo status irrisolto della Palestina storica. La popolazione palestinese è da decenni militarmente, economicamente, socialmente, fisicamente e psicologicamente oppressa, incarcerata, torturata e assassinata e il perpetuarsi di questa situazione nega ogni buon senso umano.

Riteniamo pretestuoso e guerrafondaio ogni giustificazione dell’aggressione dello stato di Israele contro la popolazione di Gaza.

Riteniamo nel contesto politico-storico lo stato israeliano responsabile anche delle perdite umane e della disumanizzazione della stessa società civile israeliana.

Riteniamo l’attuale situazione di occupazioni e aggressioni nel Medio-Oriente particolarmente pericolosa perché incita aggressioni, guerre, conflitti e terrorismi nel mondo.

L’attuale situazione mette a repentaglio ogni lavoro e risorsa impegnati in percorsi di cooperazione, sviluppo e di pace e mette a rischio il futuro della società civile mondiale.

Cam Lecce, Joerg Gruenert del DEPOSITO DEI SEGNI – associazione culturale delle arti, della pedagogia teatrale e didattica artistica, e cooperazione internazionale. Pescara - Italia

L'immagine “http://www.siatec.net/bloggersperlapace/upload/rte/lab.co.ma.2.jpg” non può essere visualizzata poiché contiene degli errori.

L'immagine “http://www.siatec.net/bloggersperlapace/upload/rte/lab.co.ma.3.jpg” non può essere visualizzata poiché contiene degli errori.

Tags: , , , ,

Comments Nessun Commento »

Appello in lingua spagnola, grazie al mio clone, signorina Anna De Natale. Pace?

 

art_200

 

 

Artistas contra las guerras

sobre Palestina

 

palflag

 

Desde hace 60 años estamos asistiendo al lento holocausto de la población árabe de Palestina.

 

Palestina está viviendo los días más sangrientos de su historia. La población de Gaza ya está al límite de las fuerzas y los aéreos israelís no sólo están bombardeando con armas convencionales pero también con bombas de racimo al fósforo blanco y con uranio empobrecido. Las víctimas están ya más que 500 y los heridos más de 2000, la mayoría son mujeres y niños.

 

La red de los Artistas contra las guerras invita a todos los artistas a activarse, a promover y a participar a los eventos de protesta contra la matanza del pueblo palestino.

 

Hacemos presión para que sean acogidas de nuestros Gobiernos las solicitudes de los pacifistas israelís, más veces encarceladas o pegados por el IDF como la pacifista Neta Golan del Internacional Solidarity Movement, presentada como candidata al Premio Nobel por la Paz, parada desde hace pocos días . O como la pequeña judía americana Rachel Correy, matada por un bulldozer israelí mientras estaba defendiendo con el propio cuerpo una casa palestina.

 

Aquí las solicitudes de los pacifistas israelís:

 

¡El Estado de Israel tiene que ser suspendido por las Instituciones Internacionales, hasta que Gaza será bajo el asedio y el aereonautica y el ejército seguirán destrozando la población civil!

 

La institución de un Tribunal internacional, que juzgas el actual mando político y militar israelí por todos los crímenes de guerra.

 

¡No a la impunidad para los criminales de guerra israelís!

 


 

Los Artistas

 

Comments Nessun Commento »

stopmassacre

 

 

Artists Against War

 

 

Palestine!

 

 

Stop Massacre

 

 

 

Clicca Qui !

 

Comments Nessun Commento »